Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘facile’

MonopiedebastoneChi si è preso un po’ di vacanza in montagna sa bene quanto sia prezioso un buon bastone.
Se però si ha voglia anche di portarsi un minimo di attrezzatura fotografica e magari si dispone di un bel tele oppure si pensa di fare qualche scatto in condizioni di bassa luminosità ecco che nasce l’esigenza di avere con sè un treppiede o… al limite un monopiede.

Perchè allora non darsi un po’ al fai-da-te ed unire le due cose?
Ecco un simpatico progetto di quei matti di Cameratechnica, un sito con ottimi spunti sul fai da te fotografico che ti raccomando.
Si tratta di trasformare un normale bastone in legno in un monopiede sempre a tua disposizione.

Semplice, facile ed economico.
🙂

Eccoti il link : http://www.cameratechnica.com/2011/03/22/diy-project-convert-a-hiking-stick-into-a-self-standing-monopod/

Read Full Post »

My Cafè - Copyright Emanuele Minetti

Si sente sempre dire che “con le macchine che ci sono oggi chiunque può fare splendide foto“.
E’ assolutamente vero.

Però… guardiamo un po’ indietro nel tempo.
Quando a fine anni ’70 arrivò l’autofocus, il passaggio fu epocale. Prima il fuoco era solo manuale. In molti dissero che con quella innovazione tutti sarebbero stati in grado di fare foto perfett.
E ancora… andando a ritroso, lo stesso si può dire per l’avvento  della pellicola 35mm, che portava la possibilità di realizzare immagini spettacolari in modo molto più portatile ed economico dei vecchi formati. 
Era la possibilità per tutti di fare gli scatti di Ansel Adams senza trascinarsi dietro 50kg di attrezzatura. O no?
La fotografia ha una componente tecnologica, cel’ha sempre avuta, fin dai suoi albori. E’ una caratteristica in perenne evoluzione.
Con il passaggio al digitale e l’enorme diffusione di fotocamere di elevatissima qualità a prezzi contenuti è diventato ancora più semplice fare foto, ma per certi aspetti è una sensazione illusoria.
Come prima o forse piu di prima, chi fa belle Foto ha comunque un’attenzione, una preparazione ed una conoscenza intima della fotografia che non sempre è condivisa da chi si affida ai pur fenomenali automatismi dell’ultimo modello di macchina digitale per farsi l’autoscatto e postarlo su Flickr.
E la differenza, nonostante tutta questa tecnologia, si continua a vedere, eccome.
Prova a sfogliare gli album delle persone che ho avuto il piacere di intervistare in questo blog, visita l’album di fotografi come Emanuele Minetti (è sua la splendida “My Cafè” sopra) e guarda quanta attenzione alla composizione, alla gestione della luce, al messaggio…. quanta passione.
Dietro a molti degli scatti dei fotografi che ammiro c’è ricerca, talento, conoscenza della storia della fotografia, studio approfondito degli strumenti, a partire dalla macchina fotografica che usano per finire ai tool di postproduzione.
Non è per niente banale.
La tecnologia ha corso moltissimo in questi anni, non solo per la fotografia ma anche per tantissime altre arti.
Può però un buon programma di videoscrittura permettere a tutti di scrivere un bel romanzo?
Può forse un multieffetto per chitarra elettrica farti suonare come Van Halen?
Secondo me non è questione di tecnologia. E’ questione di studio e passione.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: