Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘missione’

Colored drinks

Colored drinks – © Copyright 2008 Pega

A volte il tema di questi weekend assignment può essere molto semplice, addirittura banale. Eppure è proprio quando si semplifica il soggetto che la nostra creatività ha più possibilità di esprimersi.
E’ il caso della “missione” che intendo proporti per questo fine settimana, dove l’idea è di fotografare un oggetto sì comune ma anche multiforme e ricco di caratteristiche fotograficamente interessanti: il bicchiere.
Uno o più bicchieri possono essere a tutto diritto il soggetto principale di una foto, si hanno a disposizione infinite variabili, l’ambientazione, i colori, la forma, il design, lo stile, o anche i curiosi e strani effetti che possono regalarci i riflessi se l’oggetto è in vetro (non è detto…).
Oppure il bicchiere può essere anche solo un dettaglio, magari importante, ma di una scena più complessa.
Insomma, in questo weekend prova a dedicare qualche tuo scatto a questo tema, perché fotografare con un assignment non solo è divertente ma anche utile per coltivare la creatività.
Ti invito poi, come al solito, a condividere i risultati di questa semplice missione. Per farlo non hai che da inserire, in un commento, il link alle tue foto.
Buon fine settimana!

—————————————————–
Clicca qui per visualizzare l’elenco di tutti i Weekend Assignment precedentemente proposti.

Annunci

Read Full Post »

Fotografia ansiogena

In anxious anticipation – Photo by Aaron Tilley – Set Design by Kyle Bean

Tra le sensazioni ed emozioni che una fotografia può generare nell’osservatore c’è anche l’ansia.
La capacità di realizzare scatti che trasmettere esattamente ciò che si vuole, è una delle più potenti abilità che un fotografo può possedere. Per raggiungere o migliorare questo aspetto, una delle strade più efficaci è ovviamente quella di esercitarsi.
Proprio questo è lo spirito alla base del weekend assignment: provare a realizzare un’immagine seguendo un compito assegnato, una missione prestabilita.
Non ti piace il tema? Troppo ansiogeno? Ebbene, non sempre ci si può esercitare con ciò che più amiamo e, sovente, approfondire qualcosa che non ci attrae o entusiasma, si rivela invece fonte di crescita.
Dunque in questo fine settimana prova a cimentarti con questo non facile tema: concepisci e realizza qualche scatto con il puro e semplice scopo di generare ansia nell’osservatore.
Poi, se vuoi, condividi.
Buon divertimento e buon weekend!

—————————————————–
Clicca qui per visualizzare l’elenco di tutti i Weekend Assignment precedentemente proposti.

Read Full Post »

Google Cassini doodle
“Spazio, ultima frontiera”, così recitava l’incipit di Star Trek, mitica serie di fantascienza, ed è proprio così: lo spazio è davvero la nostra ultima frontiera, da molti punti di vista.
Se ogni tanto capiti su questo blog avrai forse notato la mia passione per la missione della sonda NASA Cassini che, partita nel 1997, dopo un lungo viaggio in cui fu sfruttata la gravità di Venere per ottenere rotta e velocità necessarie, raggiunse Saturno nel 2004 iniziando ad inviarci immagini straordinarie via via che le orbite si facevano più vicine al pianeta. Ma adesso siamo prossimi ad una nuova fase: la sonda sta per fare uno spettacolare tuffo nella regione di spazio che separa Saturno dai suoi anelli, un posto in cui nessuno strumento di origine umana è mai stato.
Le immagini che questa “fotocamera spaziale” ci ha inviato negli anni sono qualcosa di straordinario, descrivono fenomeni e concetti che sfiorano la capacità di comprensione umana e documentano capacità tecniche di livello forse nemmeno del tutto immaginabili da gran parte delle persone che popolano il nostro pianeta.
Insomma lo spazio è una frontiera multidisciplinare, ed anche la Fotografia ne fa parte perché le foto dallo spazio portano contenuti concettuali spesso molto pesanti.
A chi sostiene che il valore di queste immagini è solo scientifico e non artistico mi sento di dovere qualche personale argomentazione: la sonda Cassini è sì un sistema automatico, ma anche un apparecchio di grande complessità frutto dell’ingegno umano e non è altro che una versione tecnologicamente molto sviluppata di una fotocamera; una fotocamera capace di muoversi incredibilmente lontano, allontanandosi dalla scena e portando un punto di vista del tutto nuovo.  Del resto anche la mia reflex digitale è un’evoluzione del dagherrotipo e la sua capacità di effettuare scelte automatiche è da fantascienza nei confronti di ciò che erano le macchine fotografiche primordiali.
Dunque Cassini si muove secondo precise, anzi precisissime ed incredibilmente complesse istruzioni umane. I meravigliosi scatti che questa sonda ci sta inviando dalla sua spettacolare posizione sono a tutti gli effetti opere d’arte. Sono frutto di un incredibile lavoro di studio, preparazione, progettazione e gestione di una missione che ha attraversato i decenni, coinvolto centinaia di persone e portato risultati che, a mio parere, non sono neanche lontanamente percepiti dalla media delle persone.
Ebbene, comunque sia, alla sponda Cassini di tutto questo importa poco. Orbita dopo orbita ci invierà immagini di luoghi “dove nessun uomo è mai stato prima”, poi incontrerà l’atmosfera di Saturno, dove si disintegrerà lasciandoci per sempre.
Anche Google, con il simpatico “doodle” che vedi sopra, ha voluto omaggiare questo avvenimento epocale. A noi resteranno per sempre immagini di una bellezza da togliere il fiato, come quella scattata giusto pochi giorni fa e che vedi qui sotto, in cui il puntino luminoso è la nostra piccola Terra, che risplende tra gli anelli di Saturno.
La Terra tra gli anelli

Read Full Post »

Ascesi - Pega

Ascesi – © Copyright 2012 Pega

Eccomi a proporti una nuova missione fotografica per provare qualche “scatto a tema” nel weekend.
Se ogni tanto leggi questo blog, sai della mia convinzione a questo proposito e di quanto il “compito assegnato” possa non solo risultare divertente, ma anche dare interessanti spunti creativi. Aggiungiamo poi la condivisione con gli altri ed ecco il “weekend assignment” che, a settimane alterne, trovi qui dove… la Fotografia è una scusa.
Il tema di oggi è una sfida atavica, una questione che risale a ben prima che il nostro mezzo fotografico fosse inventato ma che è ancora attuale quando si parla di immagini a due dimensioni. E’ la sfida di riportare la realtà tridimensionale sul piano, mantenendone il significato volumetrico per l’osservatore; in pratica si parla di prospettiva.
Puoi ispirarti ai maestri dell’antichità o lavorare seguendo idee più moderne, in ogni caso l’invito è a giocare con le geometrie e cercare di esaltare gli aspetti prospettici in qualche tuo scatto, sfruttando ciò che hai a disposizione sia come soggetti che attrezzatura.
Interpreta come più ti piace questo assignment e nel weekend prova a cercare le tue “vie di fuga” poi, se vuoi, mostraci il tuo lavoro. Condividere con gli altri lettori del blog è divertente e può portare nuovi ed inaspettati ammiratori a conoscerti. Ricorda: le foto che non saranno mai apprezzate dagli altri sono quelle che lascerai nel cassetto 🙂
Buon divertimento!
—————————————————–
Clicca qui per visualizzare l’elenco di tutti i Weekend Assignment precedentemente proposti.

Read Full Post »

Pontiac

Pontiac para la fiesta – © Copyright 2004, Pega

Siamo arrivati anche alla fine di questo 2016, per molti aspetti un’annataccia (come si dice dalle mie parti). E’ stato un anno contrassegnato da una marea di lutti illustri ed anche parecchi eventi a cui sarebbe stato più bello non assistere. C’è poi da aggiungere che lo scenario generale non è tale da stare molto allegri, ma tant’è e qualcosina di buono certo c’è stato negli ultimi 365 giorni. Festeggiamo dunque, lasciamoci alle spalle questo 2016 e guardiamo con relativa fiducia al prossimo anno.
Ebbene, quale miglior occasione per il classico weekend assignment se non la festa di Capodanno? Attenzione però, l’idea che ti propongo non è di fotografare il cenone, il brindisi o il momento dei botti, piuttosto di indirizzare questa missione verso un tema ancora più specifico, cioè il “dopo la festa”.
Attendi il momento giusto, osserva l’atmosfera che segue i festeggiamenti, cogli qualche dettaglio o viso particolare. Saranno ovunque le tracce di baldoria, bicchieri e bottiglie vuote ma anche gente, in molti casi allegra ma qualcuno forse anche triste o stanco, chi invece soddisfatto, chi deluso, chi ansioso di andare a dormire e chi di cambiare aria perché “il bello deve ancora venire…”
Insomma, completa quest’anno che si conclude con uno scatto che parla del “dopo”.
E’ un esercizio fotografico simile a tanti di questa serie, ma forse stavolta con un sapore diverso, magari un po’ catartico.

Dunque, non mi resta che farti il solito invito ad unirti a chi si cimenterà in questa piccola missione, magari anche condividendo qui i frutti della propria creatività, ma sopratutto ti auguro BUON WEEKEND E BUON ANNO!

—————————————————–
Clicca qui per visualizzare l’elenco di tutti i Weekend Assignment precedentemente proposti.

Read Full Post »

Ok, ma poi... ti dovrò uccidere - Va bene - Photo by Pega

Ok, ma poi… ti dovrò uccidere — ©Copyright 2013, Pega

Da tanto tempo propongo periodicamente una “missione fotografica” da svolgere nel fine settimana, una sorta di incarico simile a quello che può ricevere un fotografo professionista inviato ad approfondire un tema secondo la sua visione e creatività.
Se puoi cimentarti in questo esperimento, l’invito è poi a condividere i risultati dell’assignment, inserendo il link alla tua immagine in un commento a questo post.
L’idea è uscire con già in mente un argomento da svolgere, una missione da compiere, qualcosa di diverso dal solito fotografare solo per sé ed agire invece seguendo un tema assegnato da altri.
Il tema di questo weekend  è molto compatibile con la stagione e l’ampia esposizione delle parti del corpo umano disponibile quando fa più caldo, ed è’ un argomento che tutti possono svolgere facilmente. In questo fine settimana ti invito a fotografare: la body art.

Con questo termine si indica qualunque forma di intervento artistico sul corpo, dai tatuaggi al piercing, passando per le modificazioni, un tema intrigante che può essere svolto in molti modi, sia andando in giro in caccia di ignare “prede” che cimentandosi con qualcuno che vorrà prestarsi ad un set fotografico.
Sta a te decidere se sfruttare la parte del corpo colorata o modificata come dettaglio della foto oppure come protagonista. Potrebbe essere anche molto interessante andare a scattare dove la body art nasce, magari lo studio di un tatuatore.

Buon divertimento e buon weekend!

—————————————————–
Clicca qui per visualizzare l’elenco di tutti i Weekend Assignment precedentemente proposti.

Read Full Post »

Art ain't easy

Art ain’t easy – © Copyright 2009 Pega

Ti ispira l’idea di cimentarti in una piccola missione fotografica? Che ne dici di provare a scattare secondo un tema assegnato?
Il weekend assignment è una piccola tradizione di questo blog, e quello di questo fine settimana è dedicato all’arte di strada, in qualunque sua forma.
Non solo graffiti, le forme di street art sono tante: dalle sculture alle installazioni, dalle forme d’arte temporanee dei madonnari, alle modifiche creative ai cartelli stradali.
In questi giorni prova a dedicare qualche tuo scatto a queste espressioni artistiche; esci e fai qualche scatto con questa “missione in mente”, come se dovessi fare un micro reportage su questo fenomeno nella tua città.
Come sempre ti invito poi a selezionarne una e condividerla in un commento.
Buon weekend!

—————————————————–
Clicca qui per visualizzare l’elenco di tutti i Weekend Assignment precedentemente proposti.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: